chiudere

Organizzate adesso la
Vostra vacanza al Bemelmans:

arivo Partenza
Hotel Ritten - Südtirol

Sigmund Freud è ancora uno dei pensatori più influenti del XX secolo. Era particolarmente affezionato al Renon e al nostro Hotel Bemelmans Post durante la sua vita.

Hotel Ritten - Südtirol
Hotel Ritten - Südtirol
Hotel Ritten - Südtirol

Illustri ospiti al Bemelmans Post. Sigmund Freud.

Sigmund Freud, fondatore della psicoanalisi, è probabilmente l'ospite più famoso che ha soggiornato al Bemelmans Post. Venne al Renon con la sua famiglia nel 1911. La breve vacanza inizialmente prevista si è trasformata alla fine in diversi mesi, che il medico e psicologo viennese ha trascorso a Collalbo, "dove è bello in un modo molto speciale". Freud godeva delle temperature piacevoli e nell'ambiente naturale assolato trovava relax e ispirazione per alcune delle sue opere più conosciute. La veranda di Freud, dove lui e sua moglie Martha celebrarono le loro nozze d'argento, porta ancora oggi il suo nome.

Hotel Ritten - Südtirol

Giorni di relax e un anniversario di nozze d'argento sul Renon.

Freud scoprì il suo luogo di vacanza preferito sul Renon durante un viaggio che lo portò a Trento e Bolzano nella Pasqua del 1911. Incantato dalla bellezza della natura, rimase con la sua famiglia fino a metà settembre. Un giorno prima della sua partenza, il 14 settembre, lui e sua moglie hanno festeggiato qui il loro 25° anniversario di matrimonio. Nel 1913, la moglie Martha e la figlia Anna andarono di nuovo in vacanza a Collalbo. Anna scrisse le seguenti righe a suo padre: "[...] Non so, ma trovo Collalbo quasi più bello di tutti gli altri posti in cui siamo stati finora". Un bel complimento per il Bemelmans Post - perché la famiglia Freud aveva viaggiato molto e aveva visto molti posti nel mondo.

Hotel Ritten - Südtirol
Sigmund Freud (1856-1939) scrive queste righe
dal nostro hotel a C.G. Jung, un collega di lavoro:
„Qui sul Renon è divinamente bello e accogliente.
Ho trovato in me un desiderio inesauribile di non fare nulla,
temperato da due ore di lettura in cose nuove,
e non mi piace pensare
che il prossimo mese porterà
di nuovo il duro lavoro.“
Il Suo browser non è supportato.

Scarica ora gratuitamente uno dei seguenti browser aggiornati ed efficienti: